blog

PrintLitoArt al Ravello Festival 2018

ravello festival

La Costiera Amalfitana quale cornice di uno dei Festival più importanti, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo: torna il Ravello Festival. Da Sabato 30 giugno Nord e Sud d’Europa si ritrovano sul Belvedere di Villa Rufolo per aprire le danze.

Sarà Wagner ad aprire questa edizione del Ravello Festival dove, ispirazione e spirito del luogo si sposano perfettamente in uno scenario che ospiterà i più grandi artisti mondiali. E’ in questa occasione che il maestro Esa-Pekka Salonen omaggerà cielo e mare dirigendo la Philharmonica Orchestra e festeggerà sul palco il suo sessantesimo compleanno.

Il programma di quest’anno è tra i più ricchi, dopo i risultati del 2017, il Ravello Festival non poteva far altro che migliorare ulteriormente, imponendosi come un festival in cui è l’arte, in ogni sua forma, a trionfare. Non a caso, noi di PrintLitoArt, sposiamo appieno i principi fondanti di questo Festival tanto da esserne i primi sostenitori oltre che sponsor ufficiale.

L’avventura della 66esima edizione del Ravello Festival apre dunque le porte a due mesi di spettacoli, intrattenimento, elevazione mentale e spirituale volto a offrire al proprio pubblico il meglio della scena mondiale: grandi orchestre internazionali, acclamati direttori, nomi storici di autori e coreografi. Non mancheranno inoltre compagnie ammiraglie di balletto e icone intramontabili del panorama artistico.

La contaminazione tra i diversi generi è d’obbligo, così come l’eccellenza e le produzioni speciali che, da sempre, prendono ispirazione dai grandi temi come “Tristano e Isotta” (1865) che caratterizzerà l’intero Festival.

Nel programma l’apertura è proprio riferita al Preludio dell’opera per un percorso che si lega con una continuità simbolica alla conclusione dell’opera: la Morte d’amore d’Isotta. Saranno le voci di Michelle DeYoung e James Rutherford, rispettivamente soprano e baritono, che animeranno con il loro debutto la Città della Musica.

I giorni a seguire saranno caratterizzati da altrettante figure di spicco, geni d’eccellenza nelle arte visive. Toccherà a Bill T. Jones / Arnie Zane Company, a Wayne McGregor e la sua compagnia, Ivan Lins, Dada Masilo, il direttore d’orchestra Myung-Whun Chung, Tiagran Hamasyan, Kurt Elling Quintest, Django Bates’ Belovèd; a Le Cercle de L’Harmonie, orchestra diretta da Jérémie Rhorer e l’Orchestra Nazionale dei Conservatori Italiani il cui direttore sarà Alexander Lonquich. Tutti si susseguiranno sui palchi predisposti nella bellissima Ravello.

Non finisce qui! Il balletto di Mosca e il balletto di San Pietroburgo calcheranno, assieme a Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura, le ultime serate di luglio per un agosto ancora più ricco e intrigante.

Bell Frisell Quarted, Petra Haden e i Solisti del Teatro alla Scala saranno la cornice di Mercoledì 1 agosto e sabato 4. Carrellata poi de “I concerti di Mezzanotte” con gli straordinari pianisti e le fantastiche orchestre, ancora tra le più famose al mondo, a risuonare nei luoghi estatici della costiera, sino al famosissimo e caratterizzante “Concerto all’Alba” con l’Orchestra Filarmonica Salernitana “Giuseppe Verdi” diretta da Ryan McAdams.

Che altro? Il Ravello Festival è un panorama inimitabile non solo per il luogo che lo ospita ma, e soprattutto, per il chiaro inno alla profonda bellezza dell’arte. Noi di PrintLitoArt, quali amanti e fini ricercatori dell’arte stessa, non potevamo farci sfuggire questa entusiasmante iniziativa per elogiare e promuovere l’arte in ogni sua forma.

 

 

Written by Magister